Quello che sto facendo

Oggi è tornato il sole. Approfittando della bella giornata….non sono uscita, ma in compenso ho iniziato a ritagliare gli articoli che mi interessano dalle riviste, sul tavolo della mia casina.
Il tutto mentre Picci miagolava (aveva fame, cambio di scatoletta perché non gli aggradava) e la radio suonava.
Ah, ho pulito la doccia, vedremo se fa la pipi’ li dentro. Vi terrò aggiornati.

Le candele…puzzone

http://stinkycandlecompany.com
Ho trovato questo curioso sito americano che vende candele…puzzone. Si, avete capito bene, sono candele che hanno odori sgradevoli.
Sembrerebbe un controsenso ma non credo affatto che lo sia. Ci sono candele alla cipolla, al fuoco d’artificio, bacon, urina…ma anche al vino, limone, matita, panni puliti.
Si dice che l’olfatto sia uno dei principali sensi che stimolano la memoria. Quindi chissà,  si potrebbero stimolare i ricordi anche usando qualcuna di queste candele.

La mia vita nella Contea

Stamattina ho approfittato del sole per uscire e fare dei giri (salvo poi ricordarmi a casa di una commissione personale che non ho fatto, vabbe’…).
In sella alla mia balda Gippippa, la bici elettrica, osservavo le persone attorno a me e non ho potutu fare a meno di lensare ad un paragone: la Contea nel finale del film Il Signore degli Anelli (nel libro le cose sono molto diverse). Frodo e i suoi amici Hobbitt tornano a casa dopo l’avventura vissuta e trovano che nulla è cambiato nella Contea. Stamattina mi sono sentita così. 
La mia reazione è puramente isolata e personale, sia chiaro, ma non ho potuto non pensare alla guerra che sta’ scoppiando in Crimea e al fatto che tutto intorno a me è uguale. 
Ovviamente non potrebbe essere altrimenti, ma chissà perché questo paragone mi è saltato alla mente. Senz’altro in altri campi e luoghi questa situazione è presente, ma la mia testa questa mattina ha elaborato il pensiero.
Come mi risuona in testa la canzone di Vecchioni “Tema del soldato eterno e degli aironi”.