Sorprese notturne

Stanotte (o meglio stamattina visto che erano le 4) ci sono state sorprese sul fronte luce. A quanto pare l’hanno tolta un paio di volte.
Risultato?  Mi sono svegliata perchè la luce di emergenza si è accesa e la caldaia ha fatto un po’ le bizze stamattina. Non oso immaginare Piper.
Probabilmente si sarà spaventata.

I gatti di oggi

Dando da mangiare a Picci e sentendo l’odore della sua scatoletta, mi sono tornati in mente quei giorni in cui, alle elementari, mi prendevo cura della ‘nostra’ gatta di strada Bibi.
Ero molto contenta, per me era una cosa strana e bella avere un quasi gatto mio e vedere come lei miagolasse e si strusciasse contenta, aspettando e poi mangiare con gusto il cibo che le davo fosse una scatoletta o roba presa dal macellaio.
I gatti di adesso sono purtroppo molto schizzinosi. Non gli piacciono più le cose di una volta. Annusano con aria schifata e poi fanno con la zampina il gesto del coprire.
Tutto questo con Bibi non sarebbe certamente successo!

Nuove scoperte.

A 33 anni ho scoperto che mi piacciono da matti i criceti.
È stata una sorpresa anche per me, non avevo mai preso in considerazione l’idea del criceto. La mia idea di animale domestico si fermava (errando) al cane e al gatto. Uccellini al più. Ho avuto anche dei pesci ma il criceto è sempre stato al di là del mio pensiero.
Invece mi piacciono. Sono carini e morbidi. Questa conoscenza mi viene dalla prima e più grande adottata: Persefone.
Aveva la congiuntivite, quindi non sarebbe stata venduta. L’abbiamo presa, curata e adesso sta’ bene. Una signora di 160 grammi.
Poi è stata la volta di Pandora. Uno sricciolino a cui in una rissa hanno mangiato le zampe dietro. Cammina meglio di me e si fa delle corse sulla ruota.
Poi oggi è stato il turno di Pico. Lui non ha nessun problema, è piccolo e con le zampette dietro e il culone mi sembra un ranocchio.
In casa ho tre gabbie ordinate dove possono scorazzare. Il cibo è buono e i comfort ci sono tutti. Compreso un gatto guardone.